CIBO TRADIZIONI

Le tradizioni pasquali della Valle D’Aosta

tradizioni pasquali - uova di pasqua

La Valle d’Aosta è terra di grande attaccamento alle tradizioni. Come ogni regione di confine, ha visto succedersi nel tempo popoli e culture provenienti d’Oltralpe che hanno influenzato, attraverso il loro bagaglio culturale, gli usi di questo territorio. Naturalmente, tutte queste influenze si ritrovano anche nelle ricette della tradizione.
La cucina valdostana, infatti, è ricca di piatti deliziosi, perfetti per chi vuole sperimentare in cucina e conquistare la propria famiglia con pietanze dal gusto unico.

ricette tipiche della cucina pasquale valdostana

La più rappresentativa è la Crescia di Pasqua, ovvero una focaccia lievitata a base di formaggi e impastata con uova, olio d’oliva e pecorino grattugiato. Secondo la tradizione si gusta a fette, per il pranzo di Pasqua, accompagnata con il salame.
La preparazione della versione valdostana prevede di montare gli albumi a neve prima di aggiungerli alla torta ed è solitamente più bassa delle sorelle del Centro Italia. Inoltre, non viene utilizzato il latte.
Come tutte le ricette della tradizione, anche per la Crescia di Pasqua, ogni famiglia ha il suo segreto o le proprie tecniche in cui a mutare sono per lo più gli ingredienti, a partire dalla tipologia dei formaggi utilizzati.

Crescia - tradizioni pasquali

Crescia accompagnata da salumi

la Torta Verde di Pasqua

Oltre alla Crescia, si prepara anche la Tourta de Paque o Torta verde di Pasqua, un tortino di erbe aromatiche primaverili. Tra esse, troviamo: salvia, rosmarino, spinaci, ortiche, tarassaco, germogli di luppolo, foglie di primula, rucola selvatica, erba cipollina, barba di becco, erba San Pietro.
Un tempo cuocevano queste erbe nelle teglie grandi di rame nei forni delle stufe a legna e le mangiavano a colazione o a merenda durante i giorni di lavoro, ma soprattutto durante il pranzo di Pasqua. Questa torta, difatti, ha il sapore di quella vita ‘rustica’ di un tempo, ormai svanita.
Come tutte le ricette della tradizione, anche in questo caso, ogni famiglia crede di possederne la versione più autentica: chi usa le erbe spontanee dei campi; chi usa gli spinaci; qualcuno aggiunge 4 uova e altri addirittura 12. In ogni caso, la torta è sempre ottima.

tradizioni pasquali - torta verde

torta verde di Pasqua

Di solito un pranzo pasquale valdostano prevede, dopo l’antipasto con salumi tipici e Crescia, una lasagna e un gustoso spezzatino di agnellone. Fortissimo è pure il consumo di cacciagione, ma non mancano quanti preferiscono gustare un altro grande classico di questa regione: le scaloppine alla valdostana.
Per quanto riguarda, invece, il dessert è impossibile non citare il Pan Douce. Si tratta di un antichissimo pane dolce, un antenato del panettone, che le donne contadine preparavano in generose quantità così da poterlo gradire anche oltre l’epifania. Farina; latte; panna; uvetta; rhum, sono gli ingredienti predominanti!

pan dolce- tradizioni pasquali

Pane dolce

Non dimentichiamo, però, che non è Pasqua senza uova, quindi, è tradizione inserire le uova nel menu del pranzo. In Valle d’Aosta, oltre al tortino verde, è tradizione preparare una gustosa frittata con patate e uova. Se avanzava, veniva poi consumata a Pasquetta, nella classica gita fuori porta con gli amici.

Annalisa Pedà

Autore: Annalisa Pedà

Sono Annalisa Pedà, classe 1990. Sono calabrese, ma vivo da alcuni anni ad Aosta. Ho studiato lingue straniere al liceo ed adesso lavoro per una multinazionale francese. Sono una grande salutista, pratico tanto sport e curo tanto la mia alimentazione . Amo viaggiare e andare alla scoperta di nuovi sapori, nuovi odori e nuovi stili di vita. Oltre alla passione per lo sport e per i viaggi, c’è anche la mia grande passione per la moda. Gestisco un blog personale da alcuni anni in cui parlo di queste mie passioni.
Scrivere mi rilassa e credo sia l’hobby migliore per accantonare la quotidianità.

Le tradizioni pasquali della Valle D’Aosta ultima modifica: 2019-04-12T09:00:16+02:00 da Annalisa Pedà

Commenti

To Top