MITI E LEGGENDE

Ecco come nasce il Lago Blu, splendido paesaggio di Aosta

Cervino Dal Lac Bleu

Tra leggende inquietanti e apparizioni misteriose, merita attenzione anche una storia che ruota intorno ad uno dei paesaggi più belli della località valdostana. La leggenda del lago Blu si narra da secoli e vuole essere ancora oggi un monito per spingere gli abitanti del luogo ad essere ospitali e generosi coi viandanti. Lo specchio d’acqua da cui ha origine questo racconto esiste davvero. Tuttora è meta di turisti che vogliono ammirare quel panorama che ha fatto da sfondo ad una vicenda davvero esemplare.

I pastori dal cuore duro e il viandante

Un tempo si narra che una famiglia di pastori abitasse nei pressi del bosco di Aosta senza curarsi di nessuno. Il figlio, dall’animo buono e così diverso dai genitori, un giorno assistette ad una scena davvero triste. Un viandante bussò alla loro porta e chiese qualcosa da mangiare. Con parole dure però la coppia lo schernì e lo cacciò senza pietà. A quel punto il bambino volle fare qualcosa per rimediare al cattivo gesto dei suoi familiari e offrì al povero bisognoso una scodella con il latte che il giorno dopo sarebbe stata la sua colazione. Ma prontamente i genitori lo ammonirono e sostituirono il latte con acqua sporca, ridendo tra sé per insultare ancora il povero viandante che andò via con animo deluso e alquanto misterioso.

Viandante 579 Rr 770x350 (2)

Ma la storia ebbe un seguito inaspettato che solo il figlio, nei secoli, ebbe la possibilità di raccontare in giro.

Il lago Blu, nato per insegnare umiltà e amore per il prossimo

La storia racconta che durante la stessa sera il bambino fu mandato dai suoi genitori nel bosco per raccogliere la legna. Era buio e il poveretto aveva molta paura, ma i familiari erano decisi a dargli una lezione severa per avere disobbedito ai loro ordini. Così il piccolo si avventurò nel bosco ma, nonostante nei dintorni ci fossero tanti animali feroci, nessuno gli fece del male. Dopo aver svolto le sue commissioni fece strada per tornare a casa ma ciò che vide davanti ai suoi occhi lo prese alla sprovvista. La casa era scomparsa! Al suo posto splendeva un lago dal colore profondamente blu che aveva inghiottito per sempre i suoi genitori e la dimora dove abitavano insieme.

Lago Blu Aosta

Sconforto e dolore colpì il fanciullo. Ma presto capì la lezione e la insegnò ai posteri, per far capire l’importanza di essere ospitali con chi ha bisogno e gentili con il prossimo. Da quel momento i valori di umiltà e ospitalità divennero elementi chiave per gli abitanti del luogo. Ancora oggi tutti ammirano la bellezza del lago raccontando alle generazioni future la cosiddetta leggenda del lago Blu.

Cristina Fontanarosa

Autore: Cristina Fontanarosa

Laureata in materie umanistiche ha fatto della sua passione per la scrittura e il giornalismo un vero lavoro a cui si dedica a tempo pieno. Vive in Sicilia ma gira il mondo coi suoi pezzi che trattano di tutto e di tutti, con la voglia di scoprire sempre cose nuove e luoghi interessanti.
Ecco come nasce il Lago Blu, splendido paesaggio di Aosta ultima modifica: 2018-12-03T09:58:12+01:00 da Cristina Fontanarosa

Commenti

To Top