TRADIZIONI USI E COSTUMI

Batailles des Chèvres, la finale si terrà domenica

Batailles des Chèvres

Domenica 3 novembre all’Arena Croix Noire si terrà la finale dell’arcinota competizione delle Batailles des Chèvres, la battaglia delle capre. Questa tradizione, viva dal lontano 1981, sebbene faccia storcere il naso a qualche animalista, aiuta a mantenere viva una grande tradizione valdostana. Andiamo a scoprirne di più!

L’atto finale dopo ben 14 eliminatorie

Si terrà, come detto, domenica 3 novembre, la finale regionale delle Batailles des Chèvres, che bisserà il successo delle Batailles de Reines. La competizione, a cui si è arrivato dopo ben 14 eliminatorie, vedrà 252 capre competere per la vittoria finale all’Arena Croix Noire. Gli animali saranno divisi in base al peso degli esemplari iscritti, fino ad arrivare alla categoria bimbe, caprette di appena diciotto mesi. L’ordine della battaglia avviene per sorteggio, effettuato alle 8 del mattino. La competizione, invece, si protrae fino alle nove di sera. In ogni lotta, che vedrà una battaglia in cui le contendenti che si affronteranno a due a due, saranno sconfitte se si allontaneranno dal centro dell’arena. La capra che avrà resistito nel maggior numero delle battaglie, sarà la vincitrice.

Foto D'epoca Delle Batailles des Chèvres
Una vecchia foto di una passate edizione dell’evento. Fonte: Les Reines de la Vallée d’Aoste – Overblog

Ad organizzare l’evento, come sempre, sarà il comitato regionale Batailles des Chèvres. Evento che quest’anno, compie trentotto anni. Nel 1981, anno della prima edizione, alcuni allevatori, decisero di organizzare una competizione tra i migliori capi di bestiame, seguita da una lotta degli stessi, dopo la discesa autunnale dagli alpeggi.
Ma perché questa tradizione è così importante ancora oggi, nonostante le rimostranze di qualche animalista più intransigente? Andiamo a scoprirlo.

L’importanza della tradizione delle Batailles des Chèvres

Le Batailles des Chèvres, innanzitutto, aiuta a mantenere alta la passione per l’allevamento delle capre, anche a salvaguardia di una tradizione antichissima. In più, grazie a questa competizione, gli allevatori sono ancora più invogliati a prendersi maggiore cura dei capi di bestiame, selezionandone la razze e ottenendo i migliori incroci possibili. Un ulteriore motivo, infine, è quello di alimentare una rivalità sana tra gli allevatori, oltre a favorire l’unione di una comunità sempre più forte, che esce vincitrice da questa competizione straordinaria.

Una Delle Foto D'epoca Delle Batailles des Chèvres
Foto di una delle tipiche battaglie capre valdostane. Fonte: Aostasera

Perché è vero che il progresso e il passare degli anni vanno a sminuire e a calpestare tante tradizioni che possono sembrare ormai fuori luogo e contesto. Ma è altrettanto vero che mantenere queste usanze aiuta a tenere viva l’attenzione sulla storia di un territorio, che favorisce la fortificazione di un’identità che non può e non deve essere perduta.

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.
Batailles des Chèvres, la finale si terrà domenica ultima modifica: 2019-11-01T12:29:28+01:00 da Luigi Bove

Commenti

To Top